Tagged: Cronache

0

Fermato il figlio dell’autista di Riina, nuovo capo della cosca di S.Lorenzo

C’è anche Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore, autista e uomo di fiducia di Totò Riina, tra le cinque persone fermate dai carabinieri su indicazione della Direzione distrettuale antimafia di Palermo con le accuse di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano alla latitanza. Per gli inquirenti, che hanno fermato i cinque in quanto si preparavano a far perdere le proprie tracce, Biondino, 40 anni, è il nuovo «reggente» del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, nipote del boss Francesco, storico capomafia di Partinico.

Un collaboratore di giustizia I provvedimenti rappresentano la prosecuzione dell’operazione Talea, portata a termine nel mese di dicembre nei confronti dei presunti affiliati ai mandamenti mafiosi di San Lorenzo e Resuttana e che portò in cella 25 mafiosi tra i quali Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. L’inchiesta è stata condotta anche grazie alle dichiarazioni del ..

0

Lotto: «Allusioni infondate, nessun collegamento con dissesto di Veneto Banca»

Gentile direttore,
in relazione all’articolo apparso il 24 novembre 2017 sul Corriere della Sera dal titolo «Veneto Banca, ecco la lista dei primi cento debitori» a firma di Fiorenza Sarzanini, pubblicato sull’edizione cartacea e diffuso anche online, in nome e per conto di Lotto Sport Italia spa e del presidente del consiglio di amministrazione della società, Andrea Tomat, chiediamo di pubblicare la seguente rettifica:
«Il rapporto di Lotto Sport Italia con Veneto Banca si configura come un normale rapporto creditizio tra un’impresa e un istituto bancario. Lotto sta onorando, e ha sempre onorato, gli accordi con Veneto Banca, così come gli accordi con tutti gli altri istituti. Pertanto, contrariamente a quanto si potrebbe supporre da articoli apparsi sul Corriere della Sera, gli affidamenti concessi a Lotto da Veneto Banca non hanno alcun collegamento con il dissesto della stessa Veneto banca».

0

Elmetto protettivo   e rischi del fuoripista Quali sono le regole per sciare in sicurezza

1 Il caschetto per sciare è obbligatorio?
Nel nostro Paese — e abbiamo un codice della neve fra i più rigorosi d’Europa — l’obbligo di indossarlo vale fino a 14 anni. Luigi Di Clemente, maestro di sci ed esperto di sicurezza sulle piste, ricorda che la sua utilità è legata a eventuali cadute mentre si scia, certo, ma anche a proteggersi da possibili cadute altrui o da veri e propri scontri accidentali fra sciatori.

2 Cosa sono e a cosa servono le barriere frangivento lungo le piste?
Sono steccati di legno — in pratica delle tavole che formano una sorta di recinto — piazzate ai lati dei percorsi battuti (fuori dalla pista, ovviamente). Di solito sono nella parte alta delle piste e servono a frenare la neve che scivolerebbe a valle con il vento. Il concetto è simile a quello dei paraneve sui tetti. Può anche succedere che blocchino la caduta di uno sciatore ma non hanno la funzione di protezione per chi eventualmente finisce fuori pista in punti critici: quella è affidata alle reti di ..

0

Rosa e l’abito strappato: io come Marilyn alle nozze con Carlo Cracco

«Il vestito strappato? Che imbarazzo, non voglio commentare oltre, la foto che ho postato oggi dice tutto». La foto è quella storica di Marilyn Monroe in «Quando la moglie è in vacanza», con l’ampia gonna candida sollevata dall’aria della metropolitana. E la signora che l’ha pubblicata, su Instagram, con un «ops» come didascalia, è Rosa Fanti, 35enne neosposa dello chef Carlo Cracco, che sabato pomeriggio, a Milano, un attimo prima del suo matrimonio, si è trovata in una situazione analoga: lo strascico dell’abito si impiglia sotto la scarpa del bodyguard e, all’improvviso, lacera il tessuto fino a lasciar intravedere la coscia.

0

Di Segni: «Migrazione fuori controllo. Vittorio Emanuele III? Meglio dove stava prima»

Rabbino Di Segni, lei da 17 anni è il capo religioso della più antica comunità ebraica della diaspora, quella di Roma. Com’era il ghetto quando lei era piccolo, subito dopo la guerra?
«Pieno di bambini. Papà era pediatra. Volevamo ricominciare, ma la ferita della Shoah era terribile. La razzia del 16 ottobre 1943 fu opera dei tedeschi. Ma poi furono gli italiani a far deportare altri mille ebrei».

I suoi come si salvarono?
«Molti si sentivano al sicuro dopo aver versato l’oro ai nazisti. Mio padre Mosè ebbe una perquisizione in casa. Chiamò da un telefono pubblico un amico giornalista che lo mise in allerta. Non tornò nel ghetto, scappò con mia madre Pina a Serripola, una frazione di Sanseverino Marche».

0

Trenitalia estende la tariffa Young agli under 30, sconti fino al 50%

Sarà forse perché l’età dell’adolescenza copre un periodo sempre più lungo dell’esistenza come risulterebbe da uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica «Lancet» o forse più semplicemente per rispondere alle offerte commerciali sempre più aggressive del concorrente Italo, ma in ogni caso Trenitalia ha lanciato un’iniziativa che sui social sembra già riscuotere molto interesse: la società del trasporto ferroviario ha infatti deciso di allargare la tariffa Young, finora riservata agli under 26, a chi ha meno di 30 anni. Si tratta di biglietti scontati fra il 30 e il 50 per cento riservati comunque agli iscritti al programma gratuito di fedeltà Carta Freccia.

Le agevolazioni tariffarie Gli sconti riguardano tutti i treni nazionali e tutti i tipi di servizio, escluso quello Executive. La tariffa scontata può essere praticata fino alla mezzanotte del giorno precedente al viaggio ed è limitata a un certo numero di posti, che varia a seconda dei giorni della settimana, dei ..

0

Influencer «scroccona» rifiutata dall’hotel: «Come paghiamo i dipendenti, con i tuoi like?»

«È stato veramente imbarazzante», ha ammesso Elle Darby, l'influencer 22enne inglese che ha cercato di ottenere un soggiorno gratuito in un hotel di Dublino, il The White Mosse Café, e in cambio ne ha ottenuto una gogna pubblica. Il proprietario dell'hotel, infatti, le ha risposto pubblicando la sua mail con la richiesta e rifiutando l'offerta: «Ci vuole coraggio per mandare una mail come questa – esordisce Stenson- Ma se ti lascio alloggiare qui in cambio di un'apparizione nel tuo video, chi pagherà lo staff che si prenderà cura di te? Chi pagherà le domestiche che puliscono la tua stanza? I camerieri che ti servono la colazione? La reception che ti controlla? Chi pagherà per la luce e il calore che userai durante il soggiorno? Per la pulizia delle lenzuola? Per l'acqua? O forse dovrei dire ai miei dipendenti che saranno presenti nel tuo video, invece di ricevere il pagamento per i giorni in cui soggiornerai qui? Per nostra fortuna, anche noi abbiamo un'i..

0

New York-Londra  in 5 ore e 13 minuti Nuovo record del boeing  di Norwegian Airlines

All’inizio di gennaio la Norwegian Airlines è stata celebrata sui media internazionali per aver lanciato il volo low cost più lungo del mondo (Londra-Singapore, 10.885 chilometri per 13 ore ininterrotte di volo). Lunedì scorso la compagnia scandinava ha ottenuto un altro primato: un suo Boeing 787-9 Dreamliner, partito dallo scalo JFK di New York ha raggiunto Londra Gatwick in 5 ore e 13 minuti, conquistando il record del volo transatlantico più veloce registrato su un aereo commerciale subsonico.

Forti venti e velocità record
I più felici sono apparsi i 284 passeggeri arrivati a nella capitale britannica con quasi un'ora di anticipo: il velivolo è decollato da New York alle 11.44 ed è atterrato a Londra alle 21.57, 53 minuti prima del previsto. I forti venti in coda sull'Oceano Atlantico hanno spinto l'aereo a una velocità massima di 776 miglia orarie (quasi 1.250 km/h). Il record precedente era stato stabilito nel 2015 da un Boeing 777 della British Airways che aveva..

0

In droga, prostitute e sigarette gli italiani spendono 19 miliardi all’anno

Un punto di Pil all’anno, pari a 19 miliardi di euro. È quanto spendono in un anno gli italiani in attività illegali secondo l’Ufficio studi degli artigiani (Cgia) di Mestre. In particolare per sostanze stupefacenti (14,3 miliardi), per i servizi di prostituzione (4 miliardi) e per il contrabbando di sigarette (600 milioni di euro). L’ultimo dato disponibile (2015) segnala che il valore aggiunto di queste attività fuorilegge è aumentato negli ultimi quattro anni di oltre 4 punti percentuali.

Elevato costo sociale«Lungi dall’esprimere alcun giudizio etico», afferma Paolo Zabeo, coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre, «il giro d’affari che questa economia produce, costringe tutta la comunità a farsi carico di un costo sociale altrettanto elevato». Dal settembre del 2014 il valore aggiunto «prodotto» dalle attività illecite è stato addirittura inserito nel calcolo del Pil in molti Paesi europei, tra cui l’Italia. «Tra le attività illegali», dice il segretario della Cgia Re..

0

L’Onu: le donne guadagnano  il 23% in meno degli uomini, è il più grande furto della storia

«È il più grande furto della storia». Secondo Anuradha Seth, consigliera economica del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (Undp), il divario del 23% che esiste in media nel mondo tra il salario delle donne e quello degli uomini, si può definire come la più grande delle rapine,

DivarioSecondo i dati raccolti dall’organizzazione, non vi sono distinzioni di aree, comparti, età o qualifiche. «Non esiste un solo paese, né un solo settore in cui le donne abbiano gli stessi stipendi degli uomini», ha detto il consigliere delle Nazioni Unite Anuradha Seth. Il divario salariale non ha una o due cause, ma è dovuto all’accumulo di numerosi fattori che includono la sottovalutazione del lavoro delle donne, la mancata remunerazione del lavoro domestico, la minore partecipazione al mercato del lavoro, il livello di qualifiche assunte e la discriminazione. Pertanto, le donne guadagnano meno in generale perché lavorano meno ore retribuite, operano in settori a basso reddito o sono meno rapprese..

0

Genova, tragedia in istituto disabili: paziente muore carbonizzato

Tragedia nell’istituto per disabili ed anziani Don Orione di via Berghini, sulle alture San Fruttuoso, a Genova: un ospite di 50 anni è morto carbonizzato in seguito ad un incendio sviluppatosi nel bagno del reparto dove era ricoverato. La causa potrebbe essere stata una sigaretta. Per il fumo sprigionatosi, un’ala della struttura che ospita una decina di persone è stata evacuata dai vigili del fuoco. Sul posto con i medici del 118 ci sono anche gli agenti di polizia delle volanti che hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica della tragedia. Sembra proprio che l’uomo fosse andato in bagno per fumare una sigaretta. La vittima del rogo che si è sviluppato nel bagno dell’istituto don Orione di Genova era un paziente psichiatrico di 49 anni che si muoveva su una sedia a rotelle.

Sigaretta in bagnoÈ accaduto tutto intorno alle 23.30. L’uomo si era appartato nella toilette per fumarsi una sigaretta come faceva ogni sera prima di andare a dormire: fra le ipotesi, quella che la s..

0

Facebook, la rivoluzione  di Zuckerberg: «Saranno  gli iscritti a decidere quali siano le fonti più attendibili»

Toccherà agli iscritti, due miliardi circa in tutto il mondo, decidere quali siano le fonti di informazioni più attendibili per Facebook. Mark Zuckerberg, fondatore del Social Network più popolare, ha annunciato ieri un’altra importante correzione, con un post pubblicato sul suo account: «La scorsa settimana ho comunicato un cambiamento nel News feed. Ogni utente vedrà meno contenuti pubblici, tra cui notizie e video. A questo punto prevediamo che le news rappresenteranno circa il 4% dei contenuti, rispetto al 5% di oggi». Meno informazioni, dunque, ma, questa è la svolta progettata da Zuckerberg, «più qualità». La selezione e quindi la gerarchia tra le diverse fonti, cioè giornali, siti indipendenti, tv e altro, emergeranno dalle segnalazioni dei frequentatori del Social, modificando, quindi, gli automatismi dell’algoritmo, la formula matematica che assembla e riordina i dati di lettura.

«Oggi c’è troppo sensazionalismo»«Oggi c’è troppo sensazionalismo, disinformazione e polarizzazio..

0

Adolescenti fino a24anni

Dove troveremo il tempo per vivere tutta questa giovinezza? L’adolescenza si espande, nell’esordio e nell’addio: usciamo dall’infanzia a soli 9-10 anni e entriamo nell’età adulta a 24, stando alle ricerche di Susan Sawyer, direttrice del centro per la salute degli adolescenti al Royal Children’s Hospital di Melbourne. Sawyer ha pubblicato uno studio su Lancet Child & Adolescent Health che vela di serietà scientifica quello che in realtà vediamo tutti i giorni: bambini sempre più precoci e adulti sempre più tardivi.

Età puberale già alle elementariCi nutriamo meglio e ci curiamo di più così l’età puberale ci raggiunge già alle elementari (nei Paesi più ricchi). E, dall’altra parte, continuiamo a crescere ben oltre i canonici 18-20 anni: la ricerca rileva che il cervello, per esempio, continua il processo di maturazione, è veloce e efficiente. I denti del giudizio spuntano molto dopo. E così quando, a 25 anni circa, lasciamo la casa di mamma e papà siamo «istruiti e competitivi ma poco..

0

Giorgia e quella voglia di farla finita: «Poi la maternità ha dato una svolta alla mia vita»

«Ho avuto momenti in cui volevo lasciarmi andare, in cui non speravo di farcela. Invece poi la vita è magica, ti senti dare quasi dei calci e senti una voce che ti dice ‘devi vivere’, perché sei qua, devi farlo». Giorgia ricuce così lo strappo tra persona e personaggio: annulla lo scarto tra tormenti privati e immagine pubblica, cancella il confine tra apparenza mediatica e sostanza emotiva, confessa fragilità e debolezze, pensieri cupi e spleen esistenziale. La sua voce soul, i successi e i premi, i milioni di dischi venduti, scompaiono quando racconta l’altalena dei sentimenti — anche bui — che l’ha accompagnata nel corso della sua vita. Poi la capacità di cadere e rialzarsi uno la deve trovare dentro di sé, ha spiegato a Tv2000 — l’emittente della Conferenza Episcopale Italiana: «Ognuno ha i suoi pusher di energia che possono essere un lavoro o un amore. Nel mio caso da quando sono diventata mamma ho ripreso a vivere tutta una serie di emozioni, entusiasmi, voglie, che nel mio lavor..

0

Liliana Segre nominata senatrice a vita

«Aspetti un attimo, dottor Zampetti. Mi dia il tempo di chiedere una sedia alle commesse del negozio dove sono appena entrata e di tirare il fiato. Ripeta tutto, per favore, perché queste sono notizie che a una certa età creano un’emozione così forte da far quasi male». Così si è sentito dire il segretario generale del Quirinale, l’altro ieri, quando ha raggiunto al cellulare Liliana Segre, a Milano. Doveva sondare la sua disponibilità alla nomina a senatrice a vita decisa dal presidente della Repubblica, e all’altro capo del filo percepiva una persona confusa e stupita. Gli stessi sentimenti, non ancora metabolizzati, che ha avvertito Sergio Mattarella ventiquattr’ore più tardi, al telefono con lei. Poche parole, e stavolta a ringraziare è stato soprattutto lui: «Sono felice che abbia accettato, signora. L’ingresso in Senato di una persona con la sua storia e la sua forza morale avrà un significato importante per l’Italia».

La scelta di MattarellaSi riparleranno giovedì prossimo sul ..

0

Suocera diabolica, fa uccidere il genero 48 ore dopo le nozze per incassare l’assicurazione

BARI- Un piano diabolico per eliminare il genero e riscuotere i soldi dell’assicurazione.Trama da noir con tre protagonisti: la suocera, il suo fratellastro e un pregiudicato. Il piano viene portato a termine la sera del 5 ottobre scorso quando Girolamo Perrone, 24 anni (appena due giorni dopo il matrimonio) viene investito e ucciso sulla strada provinciale tra Adelfia e Cassano Murge. I presunti assassini però non riusciranno a incassare un solo euro dall’assicurazione. E ora sono anche finiti in carcere dopo che le indagini dei carabinieri di Bari hanno svelato che quell’incidente nascondeva altro. Accusati di omicidio volontario la suocera della vittima, Anna Masciopinto e suo fratellastro Vito D’Addabbo. In manette anche il pregiudicato Michele Caringella, con precedenti proprio per frodi alle assicurazioni.

L’accordoL’accordo — ipotizza la Procura di Bari — era di dividersi il risarcimento che la compagnia assicurativa avrebbe pagato alla vedova, la cui posizione è ancora al vagl..

0

«Tutti parlano e nessuno sa». Romina Power, il post dopo la rottura fra Al Bano e Loredana Lecciso

Un post sibillino, dopo la notizia della rottura fra Al Bano e Loredana Lecciso. Romina Power rompe il silenzio, almeno sui social, a qualche giorno dall’annuncio che Loredana ha lasciato la casa di Cellino San Marco, e che dietro la sua decisione ci sarebbe proprio la vicinanza fra lei, Romina, e l’ex marito Al Bano.

E' tutto un bla bla bla piu' bla bla bla….
Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower) in data: Gen 18, 2018 at 8:01 PST

0

Costa Azzurra,  la «Vedova nera» condannata a 22 anni di carcere 

Passerà i prossimi 22 anni della sua vita in carcere Patricia Dagorn, la francese di 57 anni condannata giovedì dal Tribunale di Nizza per aver ucciso due persone e per aver tentato di avvelenarne altrettante. Ribattezzata la «Vedova nera della Costa Azzurra», è stata descritta dai giudici francesi come una «donna senza scrupoli, venale, narcisista e perversa». Per lei i pm avevano chiesto 30 anni di reclusione. La condanna ne prevede invece 22. Patricia seduceva ricchi anziani dopo averli agganciati tramite agenzie d’incontri. La prassi era sempre la stessa: prima li persuadeva a firmare assegni a suo favore, poi metteva il Valium nei loro pasti per ucciderli.

Il primo omicidioPrecedentemente la Dagorn era stata già condannata a cinque anni di carcere per aver frodato e derubato persone più deboli. Indagando sul suo passato gli inquirenti hanno appurato che la donna ha incontrato almeno 20 uomini dal suo arrivo in Costa Azzurra nel 2011. Secondo la ricostruzione dei magistrati il pr..

0

Intossicazione alimentare finta per «scroccare»  la vacanza

I turisti inglesi si sono inventati un ingegnoso sistema per fare le vacanze gratis. Con tanto di ricarico e bonus. Una furbata finora messa a segno soprattutto in Spagna, alle Baleari, ma che potrebbe essere usata facilmente anche in Italia, dove alcuni casi con caratteristiche simili sono stati segnalati. Il sistema prevede una condivisione del profitto tra avvocati e turisti. Gli studi legali britannici che si occupano della gestione delle richieste dei turisti inglesi per presunte intossicazioni alimentari negli hotel di Maiorca hanno garantito al cliente fino a 18.000 euro e il 98% di successo nella causa. Lo afferma un servizio di El Paìs, che segnala il fenomeno. Il 60% del denaro ottenuto grazie alla denuncia va allo studio legale, il 40% per il cliente, che si fa una vacanza gratis senza aver fornito scarse prove della presunta malattia.

L’inchiesta della ProcuraLa Procura di Palma di Maiorca ha rivelato gli esiti di un’inchiesta condotta contro un’organizzazione (attiva dal..

0

Non solo Rigopiano: rinasce la stalla che nel crollo uccise centinaia di agnelli

In quel 18 gennaio 2017, mentre a Rigopiano una valanga travolgeva l’albergo in montagna, a otto chilometri di distanza si consumava una mattanza degli agnelli. Alle cinque e mezza del mattino, infatti, c’erano tre metri di neve. Una stalla dell’Azienda Agricola Martinelli di Farindola crollò sotto il peso, mentre una seconda stalla, qualche ora dopo, venne giù per le forti scosse di terremoto. «Ho impiegato quattro ore per arrivare ai capannoni, in un tragitto che di solito faccio in trenta minuti – racconta oggi Pietro Paolo Martinelli, il titolare – e per alcune ore sono rimasto sotto choc». L’azienda produce il famoso pecorino di Farindola e, una volta arrivato sul posto, Martinelli si era reso conto che non solo aveva perduto centinaia di agnelli (180 nel conteggio finale, oltre a 250 pecore) ma anche che sotto il tetto crollato delle stalle rimanevano centinaia di pecore da latte. Se avesse perso anche quelle il suo progetto professionale e lavorativo sarebbe rimasto sepolto sott..